1. Listening, empathy, emotions, conversational leadership

Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace

Article translated by dott. ssa Eleonora Brusamento Spinelli, CIELS Advanced Degree in Strategic Communication (“Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica”), extracted with the author’s permission from the book “Active Listening and Empathy. The Secrets for Effective Communication” (original title: “Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace”), written by Daniele Trevisani, published by Franco Angeli, Milan.

People don’t listen, they just wait for their turn to talk.
(Chuck Palahniuk)

Effective listening essentially has two meanings: 1) when listening has been useful to gather information and better understand the state of things, facts, and people; 2) when listening has been a pleasant, welcoming moment of relationship, in which we were able to act as an emotional container for the person.

When these two situations occur, we are experiencing effective listening. It is a quite rare situation. During a lifetime, no gold is as rare and as precious as someone who understands you.

Some questions can be useful:

  • Have you ever had the feeling that a person is not listening to you?
  • That they do not want to hear you, or that they cannot hear you at all?
  • Or have you ever felt that while you are talking, the other one is saying things halfway, not saying everything, holding something back? Out of willingness, sometimes, or out of incapacity, or out of fear, who knows?
  • Have you ever felt that persons you are talking, give a false idea of themselves, practising some form of “Impressions Management[1]” (creating an artificial image of themselves)?
  • Have you ever intended to talk to someone in order to deepen a certain theme or situation, while the person continues to escape, run away, avoid?
  • Have you ever felt the presence of a ‘core’ behind a person’s talk, of content – ideas, opinions, projects – which is only observed in transparency, but does not emerge, no matter how hard the person tries to explain himself?

If you have ever experienced even one of these situations, you had been practising ‘listening beyond words’, ‘heightened perception’ and approached or approached the topics of active listening and empathy.

Moreover, if there were interests at stake, you have experienced the importance of Conversational Leadership and the ability to direct the course of a conversation.

In your own life, you have also experienced, how rare active listening is, and that being listened to is quite rare, compared to normal life where everything is rushing, and there is no time for anything.

Rather than blaming others for what they do or do not do, for whoever wants to, the main goal of this book is offering tools to improve your listening, whether at work or in everyday life, and practice quality listening, active listening, and empathic listening.

The spirit of Virgil’s words, his invitation to always seek to understand, is the foundation that runs throughout this book: the underlying value that inspires us to practice active listening.

You can be tired of everything, but not of understanding. (Virgil)

Listening is perception, and perceiving for us is normal, physiological.

You did it hundreds and thousands of times, even just observing people in how they are dressed or how they walk – inevitably. You did it whether you wanted to or not. As perception has become very superficial, so has listening. This is what matters, ashaming because acute perception is a privileged path to truth.

Conversational leadership is the ability to restore the power of listening, to direct the conversation on the issues that interest us, or on the formats that we want to strategically activate (and listening is one of them).

Why is leadership important for listening skills? Because leadership is a voluntary act, and in this volume, listening is considered a voluntary act, decided by the listener, not a random act likely to happen without paying attention.

Human beings are endowed with natural listening skills, they use their hearing ability to understand sounds and words, because this is vital for their survival. If we did not know how to listen, neither to sounds nor to intentions (e.g., aggressive, hostile, or friendly), we would already be extinct.

It is believed that it takes courage to stand up and speak out, to have one is said. Well, very often it also takes courage to put our mind there, where we are now, to listen and look inside the soul and mind of a person.

There is also courage in listening.

Courage is what it takes to stand up and speak; courage is also what it takes to sit down and listen.
(Sir Winston Churchill)

1.1.             Listen to emotions. Emotions and communication

Emotions and communication are strongly related.

In addition to the verbal data (objects, subjects, verbs, adjectives, and other speech elements), we can always notice an emotional background in communication (the outer part of Plutchik’s wheel presented below). Sometimes this background becomes more intense, and we can almost ‘feel’ or ‘perceive’ better the emotional background than single words (area of intermediate emotions). When we enter the extreme emotions area, the intense ones are placed in the middle of the model, words become almost useless, because we are inundated by the emotion coming from the other, and this ends up overwhelming any content.

Plutchik’s Solid or Plutchik’s Wheel of Emotions[2] is one of the best representations of how emotions work. We must keep in mind that we are communicators too, so this system also applies when we are the ones talking.

Picture 1 – The wheel of emotions (Plutchik)[3]

(graphic adopted from the original model, referring to bibliography, Plutchik 1980)

Inevitably, in a communicative exchange, we always have an underlying exchange of emotions.

Some people are particularly good and very quick at grasping their inner emotions, directing them, dominating them, making use of them as they wish. For example, speaking in public in front of thousands of people without feeling the slightest bit of anxiety.

On the other hand, other people fall victims of their emotions, may become victims of a love that is blind and deaf to all denials, and persevere in loving a person who does not love them, or who has never even shown any signs of love. They may be afraid even thinking about the idea of speaking in public and fear it like the worst of poisons.

Each communicative situation (COMSIT) owns specific meanings and emotional undertones. COMSITs are specific frames or communicative moments that can be distinguished from each other, such as a dialogue between friends, or an argument, or giving explanations, and a thousand other possibilities in relationships. In each COMSIT, different degrees of incommunicability and different types of emotions arise[4].

What can we do then? The way, the only real way, is “to train oneself to emotions”. This way, it sounds like ‘training to live’, something intangible. And it is precisely this training in the intangible that makes ‘training in emotions’ an exercise in great emotional intelligence. Such as a refined gym of Experiential Coaching, for those who design active training exercises on emotions.

This involves dealing with emotions in an ’emotional laboratory’ where they can be experienced and then ‘debriefed’ with the support of a trainer, coach, counsellor, or psychologist, depending on the type of intervention.

Working on corporate groups and not on clinical pathology situations, requires the Trainer and the Counsellor as main figures and reference. These “emotion workshops” must be engineered by using videos, images, letters, themed dialogues, and any kind of exercise involving emotions.

As Howell[5] said about our ‘unconscious emotional incompetence’, at first, we may find it all a bit silly or we may be ‘clumsy’, but then we will ‘climb’ this peak, step by step, until we reach a strong emotional competence.

This competence is necessary, the higher the career position is. Think of the need for emotional balance in a judge, or a surgeon, or a police officer, or in specific situations such as taking a penalty shot, or in difficult and extreme sports where emotions are everything, or almost everything.

Emotions are often mixed, a cross between different emotional states, as we see in this picture showing the primary, secondary, and tertiary links between emotion dyads in Plutchik’s model.

Picture 2 – Graph displaying the primary, secondary, and tertiary dyads on the Plutchik’s wheel of emotions[6]

Links between emotional state produce different emotions in different emotional state (Mixed Emotions) our everyday actual emotional truth.


[1] Schlenker, Barry R. (1980). Impression Management: The Self-Concept, Social Identity, and Interpersonal Relations. Monterey, California: Brooks/Cole.

[2] Plutchik , Robert (1980), Emotion: Theory, research, and experience: Vol. 1. Theories of emotion, 1, New York: Academic

Plutchik Robert (2002), Emotions and Life: Perspectives from Psychology, Biology, and Evolution, Washington, DC: American Psychological Association

Plutchik Robert; R. Conte., Hope (1997), Circumplex Models of Personality and Emotions, Washington, DC: American Psychological Association

[3] Source: https://en.wikipedia.org/wiki/Emotion#/media/File:Plutchik-wheel.svg By Machine Elf 1735 – Own work, Public Domain, ttps://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=13285286

[4] Trevisani, Daniele (1992). A Semiotic Models Approach to the Analysis of International/Intercultural Communication; published in “Proceedings of the International and Intercultural Communication Conference”, University of Miami, FL., USA, 19 – 21 May 1992.

[5] Howell, William S. (1982). The empathic communicator. University of Minnesota: Wadsworth Publishing Company

[6] Source: Wikimedia Commons https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Plutchik_Dyads.svg

Picture of the book: Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace

Article translated by dott. ssa Eleonora Brusamento Spinelli, CIELS Advanced Degree in Strategic Communication (“Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica”), extracted with the author’s permission from the book “Active Listening and Empathy. The Secrets for Effective Communication” (original title: “Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace”), written by Daniele Trevisani, published by Franco Angeli, Milan.

Source:

-Dott. Trevisani D., Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace, Franco Angeli Edizioni, 2016.

Other online material available in these sites:

Other available online resources

CIELS Institutional Website: https://www.ciels.it/

1.1. Application of the Four Distances Model

Parliamoci Chiaro: il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva

© Article translated by dott. ssa Eleonora Brusamento Spinelli, CIELS Advanced Degree in Strategic Communication (“Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica”), extracted with the author’s permission from the book: Parliamoci Chiaro: il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva” (Let’s Speak Clearly: the four distances model for an effective and constructive communication) , written by Daniele Trevisani, published by Franco Angeli, Milan. www.studiotrevisani.it www.danieletrevisani.it www.comunicazioneaziendale.it

The Four Distances Model (4DM) can be useful:

  • for family communications;
  • for couple dynamics, between husband and wife, between life partners;
  • to improve helping relationships such as coaching, counseling, therapy, teaching, training;
  • in leadership and team direction;
  • to work on human relationships in challenging and confined environments such as work groups operating in extreme or hostile environments;
  • in communication for Workplace Safety;
  • for communication, communication that occurs between
  • people of different cultures, whether ethnic, religious, regional, and any other cultural factors;
  • to examine little-explored worlds of communication such as inter-species communication;
  • for human-machine communication and human-artificial intelligence (AI) communication;
  • to venture into territories that are unknown to human beeings, such as during long-term space missions and extended travel in confined environments;
  • to anticipate near futures, such as communication criticality occurring to human challenges, such as creating peace wherever there is conflict;
  • for highly concrete industrial collaboration projects between nations and between companies from different nations;
  • to perform real research and development, able to absorbe concepts and cultures also from very different disciplines, such as engineering, material sciences, anthropology, sociology, physics, economics, psychology, statistics, and many others, creating really effective working groups even if interdisciplinary and intercultural;
  • and in a not so distant dream… to establish communicative bases with still undiscovered cultures and civilizations, that maybe one day could manifest themselves, and with which every known form of communication could be useless or not working.

This is no more science fiction, since every day hundreds of habitable planets similar to Earth are discovered. A very significant percentage of these planets is located in the “habitable zone” or “Golden Lucky Zone” of the respective solar system, not too close to its sun (with the risk of excessive temperatures that make life impossible) or too far away (with the risk of temperatures so low as to make life impossible).

This fact provides forms of possible communication and contact on which the four distances can shed light. Even without looking for distant and remote worlds, our own Earth itself is a place where people – homo sapiens with homo sapiens – do not understand each other, they kill each other apparently for nothing, and conflicts break out in a devastating way, between ethnic groups, religious groups, family conflicts, couple conflicts, between groups of opposite supportes, between nations, and between gangs in the same city, therefore recognizing and fighting incommunicability really is a fundamental mission.

“Concord begets beauty and order in things. Conversely, from perpetual strife there must arise disorder accompanied by bestial cruelty.”

Pope Leo XIII

Concerning Business field, simply as a matter of fact, there will be – if incommunicability prevails – no sales, no business, no understanding between seller and customer, no realisation of anything at all. At listening level, none of the real, strong needs of customers and consumers is understood.

The possible useful messages and important information do not pass the communication barrier and customers remain dissatisfied, or less satisfied than they could be. Products – moreover – badly designed, or worse than they could be if only there was good communication with customers, especially in the ability to listen to them and involve them in research and development (R&D).

In a family background, paradoxically, the more time spent next to a person, the more it seems to come to the fatal conclusion not to really know that person next to a stranger. Obviously, the weaker ones will pay the price, while others will think they are “putting on an emotional armour”, but this way many positive development will become impossible for the future.

The 4 Distances model can examinate this process, to helps understand that distances are not “static” but rather dynamic. Distances change, evolve, sometimes over years, sometimes in fractions of a second (especially for mood and emotional states), sometimes they “involute”, worsening as time makes us discover new things about each other and stress puts our relationship to the test, forcing us to the ropes and bringing out parts of the personality that otherwise would not come out.

“The Progress, the evolution of a race is not measured in technological or scientific terms, it is measured by the ability to understand that there are others living in this world.”

Marco Trogi

People change, evolve, their identities, values, emotions, even their bodies, are subject to change, affecting the quality of communication.

In all these situations, all we need at first is a model, something to help us orient ourselves. Even if there is no perfect model, a model or theorem always fulfils an indispensable task: to start compaing about ‘something’ rather than nothing but a blank page.

Discussing about a model is therefore always productive.

Many anthropologists and psychologists have expressed concepts that “hide” models, they explained their variables but they have never produced a real operational, graphic, visual, comprehensible scheme. An operating scheme is much better when presented in a visual form – to provide us a quicker inspiration for the analysis of incommunicability.

Why schemes? Because managers and practitioners need operational models, their professional backgrounds have accustomed us to understand them, and a schema also offers us real “labels”, words, usable concepts, comprehensible language, and the same applies to people who operate as promoters of helping relationships (educators, counsellors, therapists).

The 4 Distances model has been developed for this purpose. It was first presented by me at a scientific conference in Miami during the 9th International and Intercultural Communication Conference[1]. Since that first presentation and now, the model has undergone considerable evolution and improvement, and continues to change as new areas of research, enrichments, clarifications and comparisons with other sciences are included.

This model is sufficiently mature to be disseminated to the public, and many years of application in the field of counselling and training of UN Blue Helmets, managers, coaches and counsellors, and Special Forces and leaders, have verified its practical usefulness. It is therefore useful evolving the communication of people and managers, and for anyone who finds that good communication and collaboration is a vital necessity.

“Through the evolutionary process, those who are able to engage in social cooperation of various sorts do better in survival and reproduction.”

Robert Nozick

_________________

[1] See Trevisani, 1992, in bibliography

© Article translated by dott. ssa Eleonora Brusamento Spinelli, CIELS Advanced Degree in Strategic Communication (“Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica”), extracted with the author’s permission from the book: Parliamoci Chiaro: il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva” (Let’s Speak Clearly: the four distances model for an effective and constructive communication) , written by Daniele Trevisani, published by Franco Angeli, Milan. www.studiotrevisani.it www.danieletrevisani.it www.comunicazioneaziendale.it

Source:

-Dott. Trevisani D., Parliamoci Chiaro: il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva, Gribaudo, 2019

For further information see:

Riepilogo seconda lezione del Professore Dott. Daniele Trevisani (4 marzo 2021)

Dr. Daniele Trevisani – Formazione Aziendale Ricerca Coaching home

Presso Campus Ciels Padova, Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica LM-94

Corso di Negoziazione, vedi https://www.ciels.it/avada_portfolio/trevisani-daniele/?portfolioCats=74

Parole chiave

  • Incomunicabilità
  • Comunicabilità costruttiva
  • Scienza dei significati
  • Common ground
  • Terreni comunicazionali
  • Ammortizzatore emotivo
  • Nucleo emotivo
  • Roleplaying
  • Escalation negoziale
  • De-escalation negoziale
  • Setting negoziale
  • Desensibilizzazione sistematica
  • Trigger emotivo
  • Negoziazione operativa
  • Mission negoziale
  • Metastrategia
  • Misunderstanding (singolo o di gruppo)
  • Crisis Intervantion Team (CTI)
  • Tentativo empatico
  • Livelli di ascolto (schermato, giudicante, apatico o passivo, a tratti, attivo o supportivo, empatico, simpatetico)
  • Self-image, percezione di sé
  • Disantropizzazione dell’informazione
  • Entropia dell’informazione
  • Caos informativo

Concetti fondamentali

  1. Comunicazione costruttiva: è fondamentale che la comunicazione sia di tipo costruttivo, quindi efficace;
  2. La comunicazione costruttiva dipende anche dalla cultura e dalla scienza dei significati. Se queste vengono travisate, ci si può trovare dinnanzi ad un’incomunicabilità. Fondamentale è anche cercare un common ground tra le parti;
  3. De-escalation negoziale: un bravo negoziatore deve essere in grado di ridurre la portata delle emozioni negative che potrebbero verificarsi durante la negoziazione, evitando in questo modo un’escalation negoziale;
  4. Trigger emotivo: affermazioni che toccano le “corde sensibili” della controparte;
  5. Il negoziatore dovrebbe parlare per circa un 25% dell’opera negoziale ed ascoltare per più o meno il restante 75%;
  6. Esistono diversi tipi di ascolti, dal meno efficace (il cosidetto “ascolto schermato”, in cui si travisa ciò che la controparte afferma) fino ad arrivare all’ascolto simpatetico, il tipo di ascolto più utile.

Sintesi del mio apprendimento

  • Ho imparato che la comprensione della cultura e simbologia dell’altro è essenziale e determinante per la comunicazione;
  • Ho compreso che porsi in maniera positiva e proattiva, ascoltando simpateticamente ed empaticamente ciò che afferma la controparte è la maniera più efficace per la riuscita di una qualsiasi opera di negoziazione;
  • Per poter negoziare, è necessario che il negoziatore non conosca solamente la controparte, il suo background, i suoi valori, la sua cultura, ma anche se stesso, i suoi punti di forza e i suoi punti deboli, per poter comprendere quanto stress emotivo sia in grado di sopportare.

Fonti:

Negoziazione interculturale: riepilogo didattico (Lezione 2)

Riepilogo didattico Lezione 2 Prof. Daniele Trevisani

www.studiotrevisani.it
Presso Campus Ciels Padova, Laurea Magistrale in Traduzione per la Gestione delle Crisi, delle Emergenze e delle Catastrofi.
Corso di Tecniche di negoziazione degli ostaggi, vedi Trevisani Daniele – Campus Ciels

Parole chiave della lezione:

  • Incomunicabilità
  • Comunicazione costruttiva
  • Semantica
  • Common ground
  • Terreni comunicazionali difficili
  • Patto d’aula
  • Nucleo emotivo
  • Escalation
  • De-escalation
  • Setting
  • Team leadership
  • Mission negoziale
  • Empowerment
  • Tentativo empatico
  • Entropia dell’informazione
  • Entropia comunicativa

I concetti fondamentali trattati durante la lezione sono i seguenti:

  1. Incomunicabilità: stati di difficoltà comunicativa che possono toccare qualsiasi tipo di relazione, sia personale che professionale. Il suo opposto è la comunicazione costruttiva. Nell’incomunicabilità, spesso emergono problemi di semantica: la scienza dei significati.
  2. Escalation negoziale: salita progressiva del tono di voce che porta ad un conflitto. Un negoziatore professionale è in grado di gestire la conversazione tramite una de-escalation negoziale, la quale permette di ridurre la portata delle emozioni negative che potrebbero entrare nel setting (contesto negoziale).
  3. Trigger o grilletto emotivo: un’affermazione che va a toccare emozioni profonde e delicate.
  4. Regola del 75/25: in una buona negoziazione, il negoziatore dovrebbe parlare per il 25% del tempo, mentre l’altra parte dovrebbe parlare per il 75% del tempo.
  5. Entropia dell’informazione: il grado di confusione o caos informatico.
  6. Entropia comunicativa: una conversazione negativa e densa di fraintendimenti, di stati emotivi pessimi, di grigiore. Presenta confusione sui significati e scopi del comunicare e produce il drenaggio delle nostre forze e delle nostre risorse più preziose: le energie personali, le emozioni, il tempo.
  7. Scala dei livelli di ascolto:
  • Ascolto schermato: c’è una distorsione nel dato percettivo.
  • Ascolto giudicante: il negoziatore ascolta ciò che dice l’altro e utilizza le informazioni che acquisisce per contrariarlo.
  • Ascolto apatico o passivo: non c’è energia di ascolto.
  • Ascolto a tratti: il negoziatore viene spesso distratto e non comprende a pieno ciò che dice il proprio interlocutore.
  • Ascolto attivo o supportivo: prevede l’incoraggiamento a proseguire e vi è una forte partecipazione del body language, attraverso il quale il negoziatore dimostra all’altro di capire e ascoltare ciò che dice.
  • Ascolto empatico: il negoziatore riesce a connettersi agli sfondi emotivi che emergono durante la negoziazione e riformula le emozioni.
  • Ascolto simpatetico: il negoziatore dimostra al proprio interlocutore di essere molto interessato a ciò che egli dice; si tratta dell’ascolto che produce più risultati per il negoziatore.

Sintesi del mio apprendimento:

  • Ho appreso che, per ottenere una comunicazione costruttiva durante una negoziazione, l’aspetto culturale è fondamentale.
  • Ho capito che esercitarsi in terreni comunicazionali difficili è fondamentale per imparare a gestire le emozioni in tali situazioni.
  • Ho imparato che è importante ridurre il grado di entropia dell’informazione, in modo tale che l’interlocutore apprenda esattamente le intenzioni del negoziatore.

Fonti:

  • dott. Daniele Trevisani, Parliamoci Chiaro, Gribaudo, 2019.
  • dott.ssa Pilli Laura, appunti di Tecniche di negoziazione degli ostaggi, Lezione 1 di prof. Trevisani D., Padova, 25/02/2021.

Riepilogo didattico Lezione 2 Prof Daniele Trevisani

www.studiotrevisani.it

Presso Campus Ciels Padova, Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica LM

Corso di Negoziazione, vedi Trevisani Daniele – Campus Ciels

Parole chiave della lezione

  • Incomunicabilità
  • Comunicabilità costruttiva
  • Semantica
  • Messaggio positivo
  • Messaggio negativo
  • Flessibilizzazione
  • Terreno comunicazionale difficile
  • Patto d’aula
  • Role playing
  • Nucleo emotivo
  • Escalation negoziale
  • De-escalation negoziale
  • Setting negoziale
  • Trigger emotivo
  • Desensibilizzazione sistematica
  • Team leadership
  • Gestione negoziata
  • Metastrategia
  • Tentativo empatico
  • Misunderstanding di gruppo
  • Crysis Intervention Team
  • Atto operativo
  • Criticità
  • Regola del 25-75%
  • Scala di qualità dell’ascolto
  • Ascolto schermato
  • Ascolto giudicante
  • Ascolto apatico
  • Ascolto a tratti
  • Ascolto attivo
  • Ascolto empatico
  • Ascolto simpatetico
  • Entropia dell’informazione
  • Disentropizzare
  • Caos informativo

Concetti fondamentali trattati

  1. Il concetto di incomunicabilità durante la negoziazione può anche dipendere da una differenza culturale tra le due parti, in questo caso si parla di semantica della negoziazione e può avere una connotazione positiva o negativa, a seconda del significato che viene attribuito a un gesto o un’espressione dalla cultura di riferimento.
  2. Per gestire la propria flessibilizzazione su terreni comunicazionali difficili abbiamo organizzato un’attività di “role playing”, attraverso un patto d’aula e l’autorizzazione a offendere abbiamo riprodotto delle situazioni di comunicazione ostile che permettessero di comprendere quando le parti vengano toccate nel proprio nucleo emotivo, quale sia il “trigger” emotivo cioè il punto che tocca le nostre emozioni profonde e delicate.
  3. L’obiettivo del primo lavoro era riprodurre una “escalation” negoziale: individuare la desensibilizzazione sistematica dell’individuo (pregiudizi, stereotipi e convinzioni personali) e rivendicare la propria team leadership (potere di rappresentanza) attraverso una metastrategia che ci permetta di avvicinarci emotivamente alla parte con cui negoziamo.
  4. Individuazione di una scala di qualità dell’ascolto, dove i gradini più bassi indicano una negoziazione improduttiva (ascolto schermato, giudicante, apatico e a tratti); l’ascolto attivo individua la fase di passaggio da una negoziazione improduttiva a una produttiva; i due gradini superiori indicano l’andamento altamente produttivo di una negoziazione (ascolto empatico e simpatetico). La scala è stata riprodotta in un lavoro di simulazione a coppie.
  5. L’obiettivo del secondo lavoro era eliminare l’entropia dell’informazione (disentropizzare) che impedisce alla negoziazione di fluire correttamente attraverso il passaggio da una comunicazione schermata a una comunicazione empatica.

Fonti:

-Dott. Trevisani D., Negoziazione InterculturaleComunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali, Franco Angeli Edizioni, 2016.

-Dott. Trevisani D., Parliamoci Chiaro: il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva, Gribaudo, 2019

-Dott. Trevisani D., Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace, Franco Angeli Edizioni, 2019

-Dott. ssa Brusamento Spinelli E., Appunti di Negoziazione degli ostaggi, lezione 2 di Prof. Trevisani D.

Riepilogo Didattico: Lezione 2

Prof Daniele Trevisani www.studiotrevisani.it

Presso Campus Ciels Padova, Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica LM94

Corso di Negoziazione, vedi Trevisani Daniele – Campus Ciels

Parole chiave della lezione:

  • Incomunicabilità
  • Common ground
  • Cultura
  • Terreni comunicazioni difficili
  • Gestione delle Emozioni
  • Patto d’aula
  • Role playing
  • Identità
  • Autorizzazione consensuale
  • Nucleo emotivo
  • Escalation
  • De-escalation
  • Trigger emotivo
  • Tecniche di desensibilizzazione sistematica
  • Ascolto attivo
  • Empatia
  • Entropia dell’informazione
  • Disentropizzare

Concetti fondamentali trattati:

  1. Il concetto di cultura dipende da vari fattori (il modo di percepire il mondo, il modo di categorizzare la realtà, il modo di dare un senso alle cose, il modo di dare un senso alle relazioni) e quando c’è una differenza culturale tra le due parti si può creare un’incomunicabilità nella negoziazione.
  2. Ci sono vari terreni di comunicazione difficili (politica, religione, famiglia, denaro) e tramite attività di role-playing si può imparare a gestire le emozioni in queste situazioni ad alto livello di stress (offese, attacchi personali, conflitti).
  3. Affinché il role-playing avvenga con successo c’è bisogno del patto d’aula, ovvero autorizzazione ad utilizzare certi formati conversazionale con certi scopi.
  4. Escalation vs de-escalation, la prima è una salita progressiva del tono fino ad arrivare a un possibile conflitto mentre la seconda è la riduzione delle portate emotive tramite tecniche di desensibilizzazione sistematica.
  5. È stata individuata una scala dei livelli di ascolto, che si divide in ascolto simpatetico, ascolto ematico, ascolto attivo/supportivo, ascolto a tratti, ascolto apatico/passivo, ascolto giudicante/aggressivo e ascolto schermato/distorsivo/impreciso.
  6. Entropia della conversazione, ovvero come ridurre il caos o il grado di confusione generato dalle informazioni durante una negoziazione

Sintesi del mio apprendimento:

  • Ho capito che in una negoziazione è importante la gestione delle emozioni nelle situazioni di comunicazioni difficili.
  • Ho imparato a riconoscere i miei trigger emotivi e a simulare situazioni di escalation e de-escalation dove poi applicare tecniche di desensibilizzazione sistematica.
  • Ho riflettuto sulla regola del 75% 25% e su come applicarla nella vita di tutti i giorni e a individuare e applicare il grado corretto della scala di ascolto in base alla situazione in cui mi ritrovo.

Fonti:

Riepilogo didattico Lezione 2 Prof Daniele Trevisani

www.studiotrevisani.it

Presso Campus Ciels Padova, Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica LM-94

Corso di Negoziazione, vedi Trevisani Daniele – Campus Ciels

Parole chiave della lezione

  • Incomunicabilità
  • Comunicabilità costruttiva
  • Semantica
  • Messaggio positivo
  • Messaggio negativo
  • Flessibilizzazione
  • Terreno comunicazionale difficile
  • Patto d’aula
  • Role playing
  • Nucleo emotivo
  • Escalation negoziale
  • De-escalation negoziale
  • Setting negoziale
  • Trigger emotivo
  • Desensibilizzazione sistematica
  • Team leadership
  • Gestione negoziata
  • Metastrategia
  • Tentativo empatico
  • Misunderstanding di gruppo
  • Crysis Intervention Team
  • Atto operativo
  • Criticità
  • Regola del 25-75%
  • Scala di qualità dell’ascolto
  • Ascolto schermato
  • Ascolto giudicante
  • Ascolto apatico
  • Ascolto a tratti
  • Ascolto attivo
  • Ascolto empatico
  • Ascolto simpatetico
  • Entropia dell’informazione
  • Disentropizzare
  • Caos informativo

Concetti fondamentali trattati

  1. Il concetto di incomunicabilità durante la negoziazione può anche dipendere da una differenza culturale tra le due parti, in questo caso si parla di semantica della negoziazione e può avere una connotazione positiva o negativa, a seconda del significato che viene attribuito a un gesto o un’espressione dalla cultura di riferimento.
  2. Per gestire la propria flessibilizzazione su terreni comunicazionali difficili abbiamo organizzato un’attività di “role playing”, attraverso un patto d’aula e l’autorizzazione a offendere abbiamo riprodotto delle situazioni di comunicazione ostile che permettessero di comprendere quando le parti vengano toccate nel proprio nucleo emotivo, quale sia il “trigger” emotivo cioè il punto che tocca le nostre emozioni profonde e delicate.
  3. L’obiettivo del primo lavoro era riprodurre una “escalation” negoziale: individuare la desensibilizzazione sistematica dell’individuo (pregiudizi, stereotipi e convinzioni personali) e rivendicare la propria team leadership (potere di rappresentanza) attraverso una metastrategia che ci permetta di avvicinarci emotivamente alla parte con cui negoziamo.
  4. Individuazione di una scala di qualità dell’ascolto, dove i gradini più bassi indicano una negoziazione improduttiva (ascolto schermato, giudicante, apatico e a tratti); l’ascolto attivo individua la fase di passaggio da una negoziazione improduttiva a una produttiva; i due gradini superiori indicano l’andamento altamente produttivo di una negoziazione (ascolto empatico e simpatetico). La scala è stata riprodotta in un secondo lavoro di simulazione “role playing” a coppie.
  5. L’obiettivo del secondo lavoro era comprendere come eliminare l’entropia dell’informazione (disentropizzare) che impedisce alla negoziazione di fluire correttamente attraverso il passaggio da una comunicazione schermata a una comunicazione empatica.

Sintesi del mio apprendimento

Ho capito che è importante prestare attenzione alla semantica della conversazione. In quanto culture diverse intempretano simboli, espressioni e significati in modo diverso.

Ho imparato a riprodurre una “escalation” negoziale e a gestire la “de-escalation” in momenti di negoziazione critica, analizzando i vari stadi di qualità dell’ascolto.

Ho riflettuto sull’esercitazione di coppia dove, in base a una scheda di rilevazione della latitudine di accettazione da -100 a +100, si doveva esprimere il gradimento verso una serie di prodotti di natura diversa reciprocamente proposti, cercando di comprendere quale associazione emotiva venisse ricollegata a quel determinato prodotto.

Fonti

-Dott. Trevisani D., Negoziazione InterculturaleComunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali, Franco Angeli Edizioni, 2016.

-Dott. Trevisani D., Parliamoci Chiaro: il modello delle quattro distanze per una comunicazione efficace e costruttiva, Gribaudo, 2019

-Dott. Trevisani D., Ascolto attivo ed empatia. I segreti di una comunicazione efficace, Franco Angeli Edizioni, 2019

-Dott. ssa Brusamento Spinelli E., Appunti Tecniche di Negoziazione, lezione 1 di Prof. Trevisani D. 25/02/2021

Riepilogo didattico II Lezione Prof. Daniele Trevisani

dott. Daniele Trevisani, NEGOZIAZIONE INTERCULTURALE – Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali, Franco Angeli Edizioni, 2016.

dott. Daniele Trevisani, Parliamoci chiaro, Gribaudo, 2019.

dott. Recalenda Marco, appunti da corso di Negoziazione di prof. Daniele Trevisani www.danieletrevisani.it www.comunicazioneaziendale.it, Padova, 04/03/2021.

Presso Campus Ciels Padova, Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica LM

Corso di Negoziazione, vedi Trevisani Daniele – Campus Ciels

Parole chiave della lezione

  • Incomunicabilità
  • Comunicabilità costruttiva
  • Semantica
  • Messaggi positivi
  • Messaggi negativi
  • Semantica negativa
  • Semantica positiva
  • Patto d’aula
  • Role playing
  • Nucleo emotivo
  • Escalation negoziale
  • De-escalation negoziale
  • Setting negoziale
  • Trigger emotivo
  • Desensibilizzazione sistematica
  • Team leadership
  • Mission negoziale
  • Gestione negoziata
  • Meta strategia
  • Tentativo empatico
  • Misunderstanding di gruppo
  • Crisis Intervention Team
  • Regola del 25-75
  • Ascolto schermato
  • Ascolto giudicante
  • Ascolto apatico
  • Ascolto a tratti
  • Ascolto attivo
  • Ascolto empatico
  • Ascolto simpatetico
  • Entropia dell’informazione
  • Disentropizzare

Concetti fondamentali trattati

  1. Con il termine incomunicabilità si intende stati di difficoltà comunicativa e rappresenta l’opposto della comunicabilità costruttiva.
  2. È stato trattato il concetto di semantica nella negoziazione (semantica positiva e semantica negativa), sottolineando l’importanza di comprendere e distinguere i messaggi positivi e i messaggi negativi.
  3. E’ stata posta l’attenzione sulla gestione delle emozioni nelle situazioni comunicative difficili, in particolare su offese, attacchi personali, situazioni di conflitto: a riguardo è stato svolto un esercizio di role playing “ad alto livello di stress” e guardato un video di negoziazione della polizia, in seguito analizzato. Nel corso del role playing, è stata sottolineata l’importanza della capacità di saper gestire l’escalation e la de-escalation negoziale nel corso di una negoziazione.
  4. Il trigger emotivo, o grilletto emotivo, è un’affermazione che tocca emozioni profonde e delicate.
  5. In una negoziazione è fondamentale la gestione negoziata, poiché la cultura influenza le regole d’ingaggio e la scelta di strategie.
  6. È stata definita e spiegata la scala dei livelli di ascolto (livelli elencati nelle keywords), in seguito applicata in un esercizio di role playing.
  7. L’entropia dell’informazione consiste nel grado di confusione o di caos informativo che può generarsi nel corso di una negoziazione.

Sintesi del mio apprendimento:

Ho capito che è necessario essere informati sull’interlocutore e il contesto, poiché aspetti come la cultura sono fondamentali per la buona riuscita della negoziazione. È inoltre fondamentale saper gestire le emozioni, sia quelle proprie sia quelle dell’altro. Nel corso di una situazione critica (ostaggio), è fondamentale definire chi ha l’empowerment, ovvero chi ha la team leadership, in quanto l’intervento deve essere il più coordinato possibile.

Ho imparato a riconoscere e ad applicare i diversi tipi di ascolto in una negoziazione.

Ho riflettuto sul fatto che è fondamentale mantenere la calma e gestire le proprie emozioni in una negoziazione, in modo tale da avere la lucidità necessaria per essere capaci di gestire le emozioni dell’interlocutore, permettendo così il raggiungimento del proprio obiettivo.

Fonti:

dott. Daniele Trevisani, NEGOZIAZIONE INTERCULTURALE – Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali, Franco Angeli Edizioni, 2016.

dott. Daniele Trevisani, Parliamoci chiaro, Gribaudo, 2019.

dott. Recalenda Marco, appunti da corso di Negoziazione di prof. Daniele Trevisani www.danieletrevisani.it www.comunicazioneaziendale.it, Padova, 04/03/2021

Presso Campus Ciels Padova, Laurea Magistrale in Comunicazione Strategica LM Corso di Negoziazione, vedi Trevisani Daniele – Campus Ciels

Ulteriori materiali online in questi siti:
Sito Studio Trevisani Formazione Coaching Consulenza (Italian & English)
Sito Daniele Trevisani (Italian)
Website Dr. Daniele Trevisani (English)
Comunicazione Aziendale
Comunicazione Interculturale
Medialab Research
Intercultural Negotiation (English)
Operational Negotiation (English)
Linkedin Profile Dr. Daniele Trevisani
Ulteriori ricerche online disponibili
Pubblicazioni e libri dott. Daniele Trevisani (Books published)
Rivista online gratuita di Comunicazione, Potenziale Umano e Management
Iscrizione gratuita al Blog Studiotrevisani.it tramite Email
Canale YouTube
Sito istituzionale CIELS: https://www.ciels.it/